© www.trekkinginciociaria.com - © www.compagniadeiviandanti.com - © www.ciociariadavivere.com
TREKKING IN CIOCIARIA

Serrone

Altitudine : 738 m s.l.m. Comuni confinanti : Arcinazzo Romano (Rm), Olevano Romano (Rm), Paliano, Piglio, Roiate (Rm) Superficie : 15,41 kmq Abitanti : 3.075 Frazioni e contrade : La Forma, San Quirico La storia di questo ridente centro, situato alle falde del massiccio dello Scalambra, a 738 metri di altitudine, è molto simile a quella di Paliano, che dista da esso appena sei chilometri. Le zone attorno all’attuale centro storico erano abitate sicuramente da una colonia ernica, come testimoniano le mura poligonali della "Lesca", una località a circa due chilometri da Serrone. Sotto l’Impero romano il territorio di Serrone fu ugualmente abitato, come provato dai ruderi romani in località "Grotte". La nascita di un primo abitato della città deve essere ricondotto al V° secolo d.C. Durante i secoli VII° ed VIII° la Badia di Subiaco aveva il dominio su buona parte del territorio di Serrone, e nel IX° secolo il centro subì saccheggi e scorrerie da parte dei Saraceni. Nel secolo XI° la Badia di Subiaco era diventata nuovamente una grande potenza feudale e il primo documento scritto che si riferisce a Serrone risale all’anno 1085, e vi si legge che un certo Trasmodo, abitante del Castello di Paliano, dona in perpetuo al Monastero di S. Benedetto di Subiaco tutte le terre di Serrone. Divenuto castellania della Chiesa, sotto papa Gregorio IX° il paese passò in dominio dei Conti, nipoti del pontefice. Ad essi successe la famiglia Colonna, fino alla consacrazione definitiva del potere dei Colonna, che avvenne all’indomani della grande vittoria riportata da Marcantonio Colonna a Lepanto. Con un atto solenne papa Pio V°, nel 1569, istituiva il Principato di Paliano con il possesso dei Castelli di Serrone e Piglio, durato fino ai nostri giorni. Risalgono ai secoli XVI° e XVII° la edificazione ed il rifacimento delle chiese del Sacro Cuore, nella contrada della "Forma", della Chiesa di S. Quirico, nella borgata omonima sulla strada per Roiate, della Chiesa di S. Arcangelo sul Monte Scalambra, quest’ultima di antichissime origini. Serrone è famosa ai nostri giorni per essere diventato il "paradiso dei parapendisti", dove gli amanti di questo sport vengono istruiti e seguiti attentamente grazie alla presenza di una affermata scuola. Dall’alto dei suoi 738 metri, Serrone è infatti mèta preferita di numerosi deltaplanisti e parapendisti che praticano il volo, soprattutto nelle giornate limpide di giugno e luglio, periodo in cui si svolge ogni anno la Manifestazione Internazionale del Parapendio.  

Numeri utili

Comune: Polizia locale: Pro Loco: Ricettività & Servizi

Agriturismo «La Fattoria» - Via Macerino - Sito web

La Ricettività

I Servizi turistici

Altri servizi

Le Guide Ambientali Escursionistiche

© www.trekkinginciociaria.com - © www.compagniadeiviandanti.com - © www.ciociariadavivere.com
TREKKING IN CIOCIARIA

Serrone

Altitudine : 738 m s.l.m. Comuni     confinanti :     Arcinazzo     Romano     (Rm),     Olevano Romano (Rm), Paliano, Piglio, Roiate (Rm) Superficie : 15,41 kmq Abitanti : 3.075 Frazioni e contrade : La Forma, San Quirico La storia di questo ridente centro, situato alle falde del massiccio dello Scalambra, a 738 metri di altitudine, è molto simile a quella di Paliano, che dista da esso appena sei chilometri. Le zone attorno all’attuale centro storico erano abitate sicuramente da una colonia ernica, come testimoniano le mura poligonali della "Lesca", una località a circa due chilometri da Serrone. Sotto l’Impero romano il territorio di Serrone fu ugualmente abitato, come provato dai ruderi romani in località "Grotte". La nascita di un primo abitato della città deve essere ricondotto al V° secolo d.C. Durante i secoli VII° ed VIII° la Badia di Subiaco aveva il dominio su buona parte del territorio di Serrone, e nel IX° secolo il centro subì saccheggi e scorrerie da parte dei Saraceni. Nel secolo XI° la Badia di Subiaco era diventata nuovamente una grande potenza feudale e il primo documento scritto che si riferisce a Serrone risale all’anno 1085, e vi si legge che un certo Trasmodo, abitante del Castello di Paliano, dona in perpetuo al Monastero di S. Benedetto di Subiaco tutte le terre di Serrone. Divenuto castellania della Chiesa, sotto papa Gregorio IX° il paese passò in dominio dei Conti, nipoti del pontefice. Ad essi successe la famiglia Colonna, fino alla consacrazione definitiva del potere dei Colonna, che avvenne all’indomani della grande vittoria riportata da Marcantonio Colonna a Lepanto. Con un atto solenne papa Pio V°, nel 1569, istituiva il Principato di Paliano con il possesso dei Castelli di Serrone e Piglio, durato fino ai nostri giorni. Risalgono ai secoli XVI° e XVII° la edificazione ed il rifacimento delle chiese del Sacro Cuore, nella contrada della "Forma", della Chiesa di S. Quirico, nella borgata omonima sulla strada per Roiate, della Chiesa di S. Arcangelo sul Monte Scalambra, quest’ultima di antichissime origini. Serrone è famosa ai nostri giorni per essere diventato il "paradiso dei parapendisti", dove gli amanti di questo sport vengono istruiti e seguiti attentamente grazie alla presenza di una affermata scuola. Dall’alto dei suoi 738 metri, Serrone è infatti mèta preferita di numerosi deltaplanisti e parapendisti che praticano il volo, soprattutto nelle giornate limpide di giugno e luglio, periodo in cui si svolge ogni anno la Manifestazione Internazionale del Parapendio.  

Numeri utili

Comune: Polizia locale: Pro Loco: Ricettività & Servizi

Agriturismo «La Fattoria» - Via Macerino - Sito web

La Ricettività

I Servizi turistici

Altri servizi

Le Guide Ambientali Escursionistiche